Fornaci San Lorenzo: il grés


Grande vaso con falchi, Galileo ChiniVersatore con girali, Galileo Chini            Il  settore del grès   mostra quanto i Chini,  per primi nel nostro paese, già attorno al  1902,  abbiano manifestato originalità e perizia tecnica  utilizzando questo  particolare tipo ceramico. Il grès  utilizzato dai Chini è di colore piuttosto chiaro e spesso è decorato in blu di cobalto  con motivi stilizzati di cerbiatti, palmette, girali e motivi geometrici. In genere si tratta di grès salato, ovvero con la superficie rivestita da una pellicola vetrosa  trasparente ottenuta dalla reazione del cloruro di sodio nella fiamma del forno. L’alto livello tecnico raggiunto dalla manifattura permette anche la realizzazione di esemplari con decori policromi e coperti da lustri metallici. Le tipologie prodotte, quasi tutte ideate da Galileo Chini, sono molto diversificate: vari generi di versatori, cache-pot e vasi anche di grandi dimensioni. Sono presentati inoltre anche numerosi bozzetti preparatori  per esemplari in grès a cui si affiancano  alcune tavole del catalogo  della manifattura per la produzione di questo tipo ceramico.

SXFornaci San Lorenzo: il vetro Fornaci San Lorenzo: la maiolica DX